Ho incontrato qualcuno l’altro giorno con un polso rotto da un incidente in moto: “Sono stato investito da un’auto”, ha detto.

Come di solito facciamo noi piloti, ho pensato subito a ogni situazione ovvia in cui un pilota avrebbe avuto la colpa. Una svolta a sinistra tra le corsie, ho pensato, o forse qualche idiota in un parcheggio che guarda il telefono. Ma mentre la storia si svolgeva ho iniziato a mettere in discussione la narrazione. Un brusco rallentamento del traffico aveva causato la sterzata del motociclista finendo nel traffico in senso contrario. Alla fine, quello che ha detto era vero, tecnicamente. Tuttavia, non sono sicuro che la persona nella corsia in arrivo che ha improvvisamente affrontato una moto che si avvicinava a loro sia il cattivo.

Ci sono molti dettagli su questo incidente che non conosco, ea questo punto tutto ciò che posso fare è sperare che questo tizio sia abbastanza premuroso da aver imparato una lezione dal suo incidente. Poi di nuovo, forse ciò di cui ha bisogno è qualcuno che gli chieda: “Sei sicuro che non sia stata colpa tua?”

Lasciatemelo dire, prima o poi: non sono al di sopra degli errori. Ho dovuto pormi la stessa domanda in passato. Ho tamponato un SUV in autostrada un certo numero di anni fa, e poiché ho sbattuto la testa abbastanza forte non ricordo davvero cosa sia successo. Sarebbe stato facile dire alla gente che non c’era niente che potessi fare – che la Range Rover ha saltato attraverso le corsie e non mi ha lasciato nessun posto dove andare – ma la verità è che non lo so per certo.

Qualche anno dopo, un mio collega ha frenato per prendere una deviazione sterrata e sterzando per evitarlo sono finito in un fosso. Certo, avrebbe dovuto segnalare, o semplicemente passare davanti e voltarsi. Ma se sei come me, leggerai i miei due aneddoti e penserai: “Uhh, sembra che Zack sia un tailgater”. Sì, sono incline ad essere d’accordo, anche se non è divertente avere quelle conversazioni, né con altre persone né con me stesso.

A noi esseri umani non piace ammettere di avere torto. Ci sono molte ricerche per dimostrarlo, e probabilmente prove nella tua vita. “Quelle briciole sul pavimento? No, non sono sicuro da dove provengano, e sì, so che il cibo non è permesso qui”. Proprio così, te la cavi mangiando il tuo panino sul treno, eviti l’imbarazzo e dici a te stesso che è stata la scelta giusta perché ora la tua glicemia si è livellata. Mentire al conduttore probabilmente produce solo una piccola quantità di dissonanza cognitiva – lo stress psicologico che si verifica quando agisci su una delle molteplici convinzioni contraddittorie nella tua testa. Tuttavia, dire a te stesso, insieme ai tuoi amici, che la persona dall’altra parte del tuo incidente in moto è stata colpevole è più pericoloso di altre piccole bugie.

Il principale svantaggio è la tua conoscenza ed esperienza. Incolpare qualcun altro è un modo per sfuggire alla responsabilità pubblicamente, ma il vero danno è allontanare il tuo cervello dall’imparare una lezione in privato. L’ammissione di qualche colpa stimolerà un dialogo nella tua psiche motociclistica per trovare un modo per evitarlo in futuro; o almeno dovrebbe.

 

 

Questo è uno dei motivi per cui i piloti della MotoGP amano i dati. Non devono sentirsi in colpa per essersi schiantati. Tutto quello che vogliono sapere è come evitarlo la prossima volta andando alla stessa velocità o più veloce. Nella guida su strada, i dati a livello di GP di solito non ci aiutano, ma la stessa passione per voler sapere cosa è andato storto può ancora guidarci. Sforzarsi di essere diligenti riguardo alla consapevolezza e alla sicurezza durante gli spostamenti non è glorioso come la pole position. D’altra parte, imparare dagli errori può essere altrettanto cruciale, se non di più.

Creiamo le nostre narrazioni per un paio di ragioni. Innanzitutto, è la via d’uscita più facile in questo momento, e sembra giusto perché risparmiamo un po’ di imbarazzo. Siamo orgogliosi, come esseri umani; cima della catena alimentare e ci piace la nostra dignità. Per i motociclisti, c’è un’ulteriore pressione sulle molte narrazioni che già esistono intorno alla pericolosità delle motociclette. Siamo inclini a dare una svolta positiva a qualsiasi incidente con una moto, in parte, perché non vogliamo un’altra brutta storia nell’ecosistema del folklore del traffico. Penso che possa nascere da un buon posto: vogliamo che le persone vedano le moto come le vediamo noi, come un’esperienza che migliora le nostre vite. Tuttavia, come diceva sempre la nonna: una bugia è una bugia, e di solito fa male a più di una persona.

Non preoccuparti, ci sono buone notizie qui. Prima di tutto, non devi andare in crash per riconoscere un errore. Proprio l’altro giorno una decappottabile Mustang ha spinto troppo lontano l’estremità di un semaforo giallo e mi ha quasi colpito. Sì, hanno corso un rosso, ma la loro colpa non avrebbe aiutato la mia gamba a essere meno rotta. Ciò che aiuta è chiedere come posso evitare quella situazione in futuro. Pensa di più all’incrocio, allo schema delle luci e a qualsiasi altro motivo per cui non ho visto l’auto finché non è stato troppo tardi.

Cerco di applicare questa mentalità ovunque io vada. Come faccio a sapere che non c’è un furgone che sta uscendo da quel vicolo? Se ci fosse un’auto ferma dietro questa curva a destra insidiosa, sarei in grado di fermarmi in tempo? Sento che questo approccio mi rende più propenso a evitare potenziali incidenti, il che è meglio che trovare l’auto in stallo, schiantarsi e dire a tutti gli altri che non c’era niente che potessi fare.

L’altro lato positivo è che alla gente piace l’onestà. Per tutte le ricerche che illustrano il motivo per cui gli umani mentono sull’errore, c’è il rovescio della medaglia, ovvero che le persone tendono a vedere la forza nell’ammettere un errore. È facile relazionarsi, presumibilmente perché tutti hanno familiarità con la sensazione di quella dissonanza nella cognizione. E questo significa che possiamo aiutarci di più essendo diretti e onesti sui pericoli e gli errori del motociclismo. È più difficile che propagare la totale innocenza da parte dei motociclisti, ed è probabilmente per questo che è la cosa giusta da fare.

La prossima volta cercherò di avere il buon senso di chiedere al ragazzo con il polso rotto se pensa davvero che sia stato l’incidente di qualcun altro e non il suo.ATTENZIONE I PRODOTTI INDICATI SUL SITO SI INTENDONO PRODOTTI UNIVERSALI ADATTABILI AL VEICOLO INDICATO, I PRODOTTI POTREBBERO RICHIEDERE UN ADATTAMENTO O MODIFICA PER L’INSTALLAZIONE SUL VEICOLO INDICATO , VISTO IL NUMERO ELEVATO DI MODELLI E MOTORIZZAZIONE LA NOSTRA DITTA NON SI ASSUME NESSUNA RESPONSABILITA’ IN MERITO AD EVENTUALI INCOMPATIBILITA’ IN QUANTO SI TRATTA DI PRODOTTI UNIVERSALI NON SPECIFICI E NON OMOLOGATI
se ritieni che il prodotto non vada bene per il tuo veicolo non lo installare contatta il servizio cliente tramite info@raceleader.it e restituiscilo in modo da vere il rimborso. la nostra azienda non si assume nessuna responsabilità per incompatibilità o danni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open Apri la chat
💬 Hai bisogno di aiuto?
Ciao👋
come ti posso aiutare?